Dott. Savino Bufo

Il Dott. Savino Bufo è specializzato in
chirurgia plastica estetica
e ricostruttiva
e dispone di
moderne sale operatorie
Iscriviti alla newsletter per
essere sempre aggiornato
sulle iniziative promosse

Trattamenti di medicina e chirurgia estetica

Mastoplastica Riduttiva


È un intervento che ha lo scopo di ridurre le dimensioni di un seno voluminoso.
Mammelle di dimensioni eccessive comportano una serie di alterazionisia  funzionali che estetiche qualiimpedimenti funzionali nello svolgimento delle  normali attività quotidiane,  vizi di postura con conseguenti dolori articolari , dorsalgie e cervicalgie;  predisposiziione allo sviluppo di scoliosi e dermatiti a livello dei solchi sottomammari  ed anche impedimenti nella scelta dell’abbigliamento, nella pratica dell’attività sportiva, nei movimenti del tronco con conseguenti  imbarazzo e disagio  nei rapporti interpersonali e nell’intimità.
Si tratta di una condizione permanente e irreversibile che tende a peggiorare nel tempo soprattutto se si aggiunge una condizione di sovrappeso.
La terapia chirurgica rappresenta l’unico trattamento efficace e in grado di apportare benefici estetici, psicologici e funzionali.
che non solo può creare disagio estetico ma anche problemi funzionale a carico della colonna vertebrale
Spesso le paziente con gigantomastia riferiscono dolori alla schiena  e difficoltà aal deambulazione
Dopo l’intervento raggiungono iun immediato beneficio
L’intervento può essere consigliato a pazienti conun minimo di diciotto anni.

Prima dell’intervento.
Durante la prima visita vengono discusse con la paziente le modalità dell’intervento , la riduzione massima che è possibile ottenere e le eventuali implicazioni estetiche.
Oltre ai consueti esami ematologici di routine, si prescrive anche una mammografia e/o ecografia della mammella.
Si consiglia di astenersi dal fumare o ridurre drasticamente il numero si sigarette almeno due settimane prima dell’intervento.
L’intervento può essere eseguito in anestesia locale con sedazione oppure in anestesia generalea secondo delle dimensioni del seno.
In pazienti in sovrappeso si consiglia una riduzione del peso corporeo prima di sottoporsiall’intervento.
L’intervento ha la durata di circa tre ore e può essere eseguito in regime di Day Hospital o con ricovero di due giorni.

Intervento
La riduzione della ghiandola mammaria avviene praticando delle incisioni attorno all’areola, a livello dei quadranti inferiori, sulla linea mediana e lungo il solco sottomammario, asportando cute, ghiandola e tessuto adiposo in eccesso, in modo da ottenere una riduzione del volume e una correzione del cedimento della mammella che sovente accompagna questa condizione.
Le suture sono riassorbibili equindi non devono essere  rimosse.
Vengono posizionati dei drenaggi che rimangono in sede per almeno 48 ore.

Dopo l’intervento
L’intervento è sostanzialmente poco doloroso o comunque controllabile con i comuni analgesici.
Le cicatrici, come tutte le cicatrici, possono subirefenomeni di iper o ipopigmentazione, ipertrofia o ipotrofia in misura variabile  a secondo delle caratteristiche genetiche di ciascun paziente.
Possono insorgere edemi ed ecchimosi che si esauriscono in un periodo variabile da persona a persona .
Si possono manifestare deficit transitori e di moderata entità a carico della sensibilità cutanea della regione mammaria e inparticolare a carico del capezzolo. 
Generalmente questa situazione temporaneasi risolve spontaneamente nel tempo.
È necessario indossare un reggiseno elasto-compressivo per almeno un mese dopo l’intervento.

Prima 1 Dopo 1
Prima 2 Dopo 2
Prima 3 Dopo 3
Prima 4 Dopo 4
Prima 5 Dopo 5
Prima 6 Dopo 6